Normative a Perugia  

Guida al risparmio energetico

I contribuenti che sostengono spese per interventi mirati al risparmio energetico possono usufruire di una particolare agevolazione fiscale, avvalendosi di una specifica detrazione d’imposta. Guida per le Agevolazioni Fiscali per il Risparmio Energetico emesso dall'Agenzia delle Entrate 2009.

APRI IL PDF


Regolamento edilizio Comune di Perugia

Il regolamento Edilizio, all'art. 87 delle normative a Perugia, obbliga per le le nuove costruzioni e le ristrutturazioni (con esclusione di quelli ricadenti nei centri storici), l'installazione di impianti solari termici per la produzione di acqua calda sanitaria, purché il fabbisogno annuo calcolato in base all’apposita scheda approvata dal Comune sia superiore a 15 mc/anno per ciascuna unità immobiliare. L’impianto a pannelli solari termici deve essere dimensionato per garantire una copertura superiore al 50% del fabbisogno annuo, salvo documenti impedimenti tecnici che non consentano il raggiungimento di tale soglia. Gli impianti devono essere installati su falde esposte a sud, sud-est, sud-ovest (modo retrofit – incastellatura propria) o meglio integrate in esse in modo strutturale. Nel caso di coperture piane i pannelli potranno essere installati con inclinazione ottimale, purché non visibili dal piano stradale sottostante ed evitando l’ombreggiamento fra di essi se disposti su più file. I serbatoi di accumulo devono essere preferibilmente posizionati all’interno degli edifici. Gli impianti possono essere installati anche su terreni di pertinenza purché opportunamente mascherati ed integrati.

APRI IL PDF


Impianti GPL

Semplificate le procedure per la prevenzione incendi.

APRI IL PDF


Decreto Legislativo 19/08/2005, n. 192

Attuazione delle direttive 2002/91/CE relative al rendimento energetico nell'edilizia.

APRI IL PDF


Deliberazione 18/03/2004

(Testo coordinato con le integrazioni e modifiche apportate della deliberazione 22 Luglio n. 129/04, dalla deliberazione 15 marzo 2005, n. 43/05 dalla deliberazione 20 settembre 2005, n. 192/05, dalla deliberazione 1 marzo 2006, n. 47/06 e dalla deliberazione 27 aprile 2006, n. 87/06). Le normative di Perugia hanno adottato il regolamento delle attività di accertamento della sicurezza degli impianti di utenza a gas (deliberazione n. 40/04).

APRI IL PDF


Deliberazione 27/04/206 n. 87/06

Modifiche ed integrazioni al regolamento delle attività di accertamento della sicurezza degli impianti di utenza gas du cui alla deliberazione 18 marzo 2004, n. 40/04 per gli impianti di utenza nuovi.

APRI IL PDF


Decreto 06/02/2006

Criteri per l'incentivazione della produzione di energia elettrica mediante conversione fotovoltaica della fonte solare.

APRI IL PDF

1. DETRAZIONE FISCALE DEL 65%

La Legge di Stabilità prevede Ecobonus 2016, detrazione al 65 % per gli interventi di efficienza energetica 

L’ecobonus del 65% è stato esteso per tutti i lavori realizzati entro il 31 dicembre 2016. Consiste in una detrazione fiscale dall’IRPEF o dall’IRES ,ripartita in dieci anni (vale a dire in 10 rate annuali), su una spesa max di 100mila euro..


Possono usufruire del credito d’imposta tutti i contribuenti, anche se titolari di reddito d’impresa, che possiedono l’immobile oggetto di intervento per la riqualificazione energetica.


Quali condizionatori?


Climatizzatori con pompa di calore che forniscono sia riscaldamento che raffrescamento, a condizione che siano ad alta efficienza (come definito da specifiche tabelle dell’Agenzia delle Entrate) e che siano installati in sostituzione dell’impianto di riscaldamento esistente.


Come funziona?


Porta in detrazione dall’Irpef o dall’Ires su 10 anni, tramite quote di pari importo, il 65% della spesa sostenuta. Non è cumulabile (per i medesimi interventi) con la detrazione del 50% per le ristrutturazioni o con altri incentivi come il conto termico. Sono detraibili tutte le spese concernenti i lavori, anche quelle di progetto e amministrative, per questo intervento il limite di spesa detraibile è di 30mila euro


Per chi e per quali edifici?


Sia per persone fisiche che per aziende e per interventi su edifici di qualsiasi categoria catastale, purché esistenti e già dotati di un impianto di riscaldamento.


2.  DETRAZIONE FISCALE DEL 50%

La Legge di stabilità 2016 prevede Bonus ristrutturazioni, detrazione 50%


Conferma ufficiale anche per il bonus ristrutturazione, valido per gli interventi edilizi che non contemplano il miglioramento energetico. In questo caso la detrazione

fiscale ammonta al 50% e può essere ammortizzata in dieci rate annuali su una cifra max di 96 mila euro.


Quali condizionatori?


Climatizzatori con pompa di calore anche non ad alta efficienza, purché il condizionatore (come la maggior parte dei modelli sul mercato) possa essere usato anche per il
riscaldamento nella stagione invernale, a integrare o a sostituire l’impianto di riscaldamento già esistente.


Come funziona?


Porta in detrazione dall’Irpef su 10 anni, tramite quote di pari importo, il 50% della spesa sostenuta, fino ad un massimo di 96mila euro per edificio (cioè il 50% di una spesa di 192mila euro). Non è cumulabile (per i medesimi interventi) con gli altri incentivi. Detraibili tutte le spese concernenti i lavori, anche quelle di progetto e amministrative.


Per chi e per quali edifici?


Per chi paga l’Irpef ossia solo per le persone fisiche. Possono goderne non solo i proprietari, ma anche gli inquilini o i familiari, a patto che siano loro a sostenere le
spese. Non è necessario effettuare una ristrutturazione contestuale (a differenza che per il bonus mobili), ma si può godere di questo incentivo
solo per interventi in unità immobiliari residenziali o parti comuni di edifici residenziali